Oggi 8 ottobre ’21 si è tenuta un’edizione speciale del nostro appuntamento con SmarTea.

Abbiamo avuto l’onore di intervistare Eleonora Pisicchio direttrice del Fondo Interprofessionale For.Te.

Moderatrice dell’incontro è stata Immacolata Stizzo Direttrice di Cesfol con la quale si è parlato delle novità riguardanti il Fondo e il mondo della formazione

Nel dettaglio abbiamo approfondito:

  • Cosa è importante valutare in un percorso di formazione
  • La tecnologia digitale nella formazione
  • I nuovi obiettivi del fondo: quali novità ci aspettano
  • I voucher formativi

Le parole di Eleonora Pisicchio

C’è bisogno di formazione ma è necessario che venga messo in piedi un vero e proprio circuito virtuoso, aprendo anche gli imprenditori. – Dice la Pisicchio –L’Italia è un paese che regge la sua economia anche sulle micro imprese dove il datore di lavoro è il primo lavoratore. Da tempo stiamo portando avanti questa proposta ma che ad oggi ancora non è stata presa in considerazione– E continua –Ci vuole una maggiore apertura per costruire un modello di apprendimento che sia al passo con i tempi. Quando pensiamo agli investimenti in formazione continua, purtroppo siamo in ritardo rispetto al panorama generale. Si ha la sensazione di rimanere – usando una metafora calcistica – sempre in serie “B”

Eleonora Pisicchio durante l’incontro preannuncia anche delle novità fondamentali per il mondo della formazione: – Il 12 ottobre ci sarà il consiglio di amministrazione che discuterà di importanti novità. Uno degli obiettivi che oggi il fondo si pone è quello della sburocratizzazione. Poi c’è la necessità di “allargare la platea” sia da un punto di vista gestionale che di rotazione delle aziende e dei lavoratori

Frase chiave del suo discorso è stata sicuramente: “I lavoratori non sono un oggetto nelle mani di qualcuno. La formazione è un diritto”.

Vuoi rivedere l’appuntamento di SmarTea?

Clicca qui